Ambiente, Sicurezza, Superbonus 110%

Attenzione alla scadenza.

Per lEcobonus al 100% si entra nel vivo: i due decreti del ministero dello Sviluppo Economico su asseverazioni e requisiti tecnici degli interventi Ecobonus 110% sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale del 5 ottobre 2020, dopo che i contenuti erano già stati pubblicati sul portale del ministero.

Chi ne ha diritto?

Per le persone fisiche, lutilizzo delle detrazioni è ammesso su al massimo due unità immobiliari, oltre agli eventuali interventi su parti comuni condominiali. In caso di interventi condominiali hanno diritto alla detrazione anche i possessori di sole pertinenze (ad esempio box o cantine) che abbiano partecipato alla spesa.

In ogni caso, la detrazione massima che ogni contribuente può ottenere è pari allimposta annua che dovrebbe versare, se si è incapienti, la parte di detrazione non goduta non può esser recuperata negli anni successivi o chiesta a rimborso, ma può essere ceduta a terzi. Sono in ogni caso escluse le unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 cioè le abitazioni di lusso.

La spesa deve essere sostenuta da:

  • condomini (in caso di assenza dellamministratore, in dichiarazione va inserito il codice fiscale del condomino che si fa carico di effettuare gli adempimenti richiesti dalla normativa);
  • persone fisiche al di fuori dellesercizio di attività di impresa, arti e professioni, cioè solo per gli immobili che non sono compresi nei beni dellazienda o che siano strumentali allesercizio dellattività lavorativa professionale;
  • dagli Istituti autonomi case popolari (IACP) comunque denominati nonché dagli enti aventi le stesse finalità sociali dei predetti Istituti, istituiti nella forma di società che rispondono ai requisiti della legislazione europea in materia di in house providing” per interventi realizzati su immobili, di loro proprietà ovvero gestiti per conto dei comuni, adibiti ad edilizia residenziale pubblica (in questo caso la detrazione è possibile per le spese sostenute fino al 30 giugno 2022);
  • dalle cooperative di abitazione a proprietà indivisa per interventi realizzati su immobili dalle stesse posseduti e assegnati in godimento ai propri soci;
  • dalle ONLUS, dalle organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e dalle associazioni sportive dilettantistiche (per queste ultime solo per la parte di immobile destinato agli spogliatoi).

Per usufruire della detrazione si deve possedere o detenere l’immobile in base a un titolo idoneo. In particolare, la detrazione spetta:

  • ai proprietari e nudi proprietari;
  • ai titolari di un diritto reale di godimento quali usufrutto, uso, abitazione o superficie;
  • ai locatari o comodatari (previo consenso del legittimo possessore);
  • ai familiari conviventi del possessore o detentore dellimmobile ristrutturato, a condizione che sostenga le spese e siano intestati a lui bonifici e fatture;
  • al convivente more uxorio del proprietario dellimmobile anche in assenza di un contratto di comodato.

La spesa massima detraibile è riferita allimmobile, da dividere tra gli aventi diritto in base alla quota di spesa sostenuta.

In caso di cessione dellimmobile su cui sono stati fatti interventi, le quote residue di superbonus passano allacquirente salvo diverso accordo tra le parti, in caso di successione invece, passano allerede che materialmente dispone dellimmobile.

Fino a quando è in vigore il Superbonus 110%?

Chi esegue una ristrutturazione fino al 31 dicembre 2021 può contare su una detrazione del 110% delle spese sostenute per gli interventi che migliorano lefficienza energetica degli edifici e che riducono il rischio sismico. Essendo ad oggi molte e non ancora tutte chiare le modalità di intervento, ci si aspettava di avere indicazioni diverse sui tempi ovvero, sul termine temporale entro il quale “finire” l’iter burocratico, tecnico e operativo delle opere oggetto del Superbonus 110%.

Per “accelerare” i tempi, vi invitiamo a compilare il questionario sul nostro sito nell’Area dedicata al Superbonus 110%.

Buon lavoro

Back to list

Related Posts

Lascia un commento