Salute, Sicurezza

In una recente intervista al Corriere della Sera il presidente dell’associazione dei presidi, il dott. Giannelli, ha ampiamente rassicurato l’opinione pubblica sulla certezza della riapertura delle scuole per il 14 settembre, con distanziamento interpersonale di almeno un metro, banchi monoposto (a rotelle o ibridi ? – n.d.r.) e ricorso alla didattica a distanza solo in casi eccezionali. Salvo ammettere che  «Su 8 milioni di studenti ci saranno dei contagiati, è ovvio. Ma con il governo abbiamo previsto come comportarci. Saranno le Asl che, dopo aver fatto test e verifiche, decideranno che fare, come è giusto che sia, trattandosi di una pandemia. Qualche classe o scuola potrà essere messa in quarantena e scatterà la didattica a distanza, ma penso che si riuscirà a evitare un lockdown generalizzato. Credo che il nostro sistema tutto sommato risponderà bene come ha fatto finora». Tout va très bien, Madame la Marquise…

Back to list

Related Posts

Lascia un commento